Na careza ruspia

Sgagno ’sta grosta de ani e zerco la polpa de l’anima ne la me contrà mai desmentegà, coi spianzi de le rane nel cao e le me sgalmare par el trodo. Me zerco ne le tànie de le rogazion con le crocete d’albara a la Vegara nel spanir de na matina rosa e ne l’ulivo…

Alla prima luce

Ha suoni ovattati l’alba, solo il canto del gufo, fra le foglie del gelso, è un’unghiata che fende la brezza mattutina.   Le pratoline ancora chiuse sanguinano d’aurora, e le ultime falene girovagano spaesate striando l’intermittenza di un neon assonnato.   Ho sognato stanotte, un’incosciente sensazione, irruenta come il torrente nella piena di primavera, ardente,…