Bovolone gira il mondo attraverso la passione di un artista

Un artigiano falegname, come centinaia di altri nella Pianura Veronese del dopoguerra, comincia la sua attività a 9 anni, lavora, ma studia anche musica e frequenta la Scuola di Disegno artistico, che si tiene a Bovolone la domenica mattina. Ha diversi interessi, ma la famiglia e il mestiere sono la sua priorità. Finché arriva alla pensione: ecco che comincia a realizzare i suoi sogni, le aspirazioni che aveva tenute in quel cassetto dei desideri che ora può spalancare.

Conosce il legno in tutti i suoi aspetti, conosce gli alberi che lo producono e vuole finalmente cimentarsi in quella idea che ha accarezzato da tempo: COSTRUIRE VIOLINI PER FAR CANTARE IL LEGNO… IL LEGNO DELLA PIANURA VERONESE.

Intanto il “mobile d’ arte del ‘700 veneziano” che ha fatto la sua fortuna lavorativa, come quella dell’intera zona del mobile veronese, è in declino, non va più di moda, anche se Venezia resta la città più amata del mondo, la capitale di un popolo dalle mille risorse.

Il nostro protagonista si cimenta con entusiasmo e costruisce vere opere d’arte che vengono acquistate dai migliori musicisti.

Piovono premi e riconoscimenti nazionali ed internazionali… la sua vena artistica contagia anche il nipote che diventa pittore.

E a coronare questa carriera straordinaria arriverà nel Giorno della Memoria dedicato alla commemorazione delle vittime dell’Olocausto, il 27 GENNAIO 2023 a CREMONA, l’esibizione di una violinista celeberrima che suonerà la copia conforme del violino appartenuto ad una ragazza ebrea morta in un campo di concentramento: il violino lo ha fatto lui. (https://www.youtube.com/watch?v=MueYWCACXRQ)

Lui che è nato proprio nel 1938, anno delle leggi razziali fasciste contro gli ebrei anche in Italia; lui che ha dedicato un violino alle donne vittime di femminicidio; lui che costruisce strumenti musicali antichi, come la ghironda e la cetra suonate nel cortometraggio “I Signori Delle Valli Grandi Veronesi”; lui con la sua vita da museo della creatività; lui che ha reso possibile un fenomeno destinato a sopravvivergli.

IL LEGNO DELLA PIANURA VERONESE CANTA E CANTERA’ NEI CONCERTI DI TUTTO IL MONDO.

Lui ha 84 anni con un’anima e una passione da adolescente.

Ah, non vi ho ancora detto chi è?

FRANCO MERLO
LIUTAIO DI BOVOLONE.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...