Arte e mestieri di una volta: “i caretieri”

La gente che viveva nelle masserie, di solito, possedeva un asino e un piccolo carro a due ruote che serviva per gli spostamenti e la raccolta dei prodotti della terra: fieno, frumento, verdure, riso e ortaggi in modesta quantità ad uso familiare, ma per rifornire il paese di farina, vino, olio, carne, sale, legna, per trasportare mobili, suppellettili e vasellame c’era bisogno del caretier, che svolgeva un servizio insostituibile in tempi di strade sterrate, ponti disagevoli e luoghi non del tutto sicuri, di cui egli conosceva ogni segreto in tutte le stagioni.

Durante l’andata evitava le soste, a pieno carico sul carro a quattro ruote, talvolta scendeva e camminava a fianco del cavallo per alleviarne la fatica e incitarlo con la voce.

I servizi di rimessa e di stallaggio si trovavano dentro i cortili delle case, nel centro del paese, dove scaricava la mercanzia e faceva riposare e nutrire l’animale. Ma al ritorno ogni scusa era buona per fermarsi a tutte le ostarie a bere un goto (bicchiere di vino) e non di rado tornava a casa per il semplice fatto che il cavallo conosceva la strada…

di Floriana Mirandola da La Rana, gennaio 2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...