Na careza ruspia

Sgagno ’sta grosta de ani

e zerco la polpa de l’anima

ne la me contrà mai desmentegà,

coi spianzi de le rane nel cao

e le me sgalmare par el trodo.

Me zerco ne le tànie de le rogazion

con le crocete d’albara a la Vegara

nel spanir de na matina rosa

e ne l’ulivo brusà sul meale de la porta

davanti ai s-ciantisi de le site,

che i scribociava de luce el cielo biso.

Ma còsa sarà mai

‘sto butar da ‘n’anta scura

on ròio de ricordi

con la spazaora de la poesia?

L’è na careza ruspia su la me tera veneta

con i so bersò de ùa e la so lengua s-ceta,

che core zo dai monti tra i bogoli nel mare.

In on saolar de zurle e de pensieri,

me cato a sonare on pifaro de sanbugaro

sverdegando i zocoli del me magon,

tra le racole che le ciama aqua neta

sul farfoio de le cavezagne,

macià da crincane e canpanele,

nel spolvaron de le me caruare.

 

Luciana Gatti

 

(Poesia premiata alla XVI edizione del Concorso Letterario “Mario Donadoni”)

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...