Il diavolo balla con i ricchi alla Montara

Non si conosce il tempo con precisione, ma la gente si ricorda il fatto e lo racconta come un caso veramente successo. Forse tutto questo dipende dal tramandarsi tra generazioni le stesse cose, e anche le storie mai esistite alla fine diventano vere, e guai se uno si mostra incredulo. Così avvenne che una volta, nel palazzo della Montara diedero una gran festa, con signori signore cavalli carrozze, una confusione mai vista.

Tutti si divertivano alla festa, saltavano ballavano cantavano, le donne con gli uomini facevano gran baldoria, una carnevalata da signori potenti.

Verso mattina, quando la festa toccò l’apice del chiasso e la musica portava in giro le coppie dei ballerini più bravi, entrò in corte una carrozza e ne scese un gran signore.

Entra anche lui, si mette a ballare in mezzo alla sala, tutto elegante, ma la donna al suo braccio s’accorge che ha, al posto dei piedi, zoccoli di mulo.

Spaventata, lo riferisce alla padrona di casa che corre alla ricerca di una corona del rosario. Una serva aveva il suo rosario in tasca, glielo gettano contro e il grande signore scomparve. Nel salone si sentì un odore di zolfo bruciato.

Era il diavolo al quale piace ballare con i ricchi.

tratto da “Leggende e racconti popolari del Veneto” di Dino Coltro, Newton Compton Editori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...