Chiesa veronese e fascismo

L’avvicinamento alla Germania nazista incrinò probabilmente i rapporti tra lo Stato fascista e le gerarchie vaticane. Qualcosa stava cambiando anche nel Veronese se, il 12 aprile 1938, il prefetto Vaccari in un suo rapporto scrisse che «da qualche tempo il clero e l’Azione cattolica vanno svolgendo in provincia e nel capoluogo un’attività inconsueta, che non può non destare qualche preoccupazione dal lato politico». […]

Il prefetto, dopo essere stato richiamato al pari di tutti gli altri prefetti italiani, dal ministro Buffarini Guidi, ne approfittò per ricordare ai podestà del Veronese che gli iscritti dell’Ac non potevano né fare uso di uniformi né indossare indumenti che ne avessero le caratteristiche. Dalle relazioni dei podestà, comunque, non emersero particolari condizioni di tensione, mentre risultò evidente il dinamismo e la penetrazione dell’organizzazione cattolica; all’inizio di maggio ad esempio il podestà di Bovolone rilevò che l’attività dell’Ac in quel paese era «considerevole», mentre il podestà di Isola della Scala segnalò l’imponente manifestazione di 12000 persone avvenuta per la chiusura di quel congresso eucaristico di plaga alla quale era intervenuto anche il vescovo. Poi vi erano alcuni sacerdoti, relegati in qualche sperduta parrocchia della Bassa o della montagna, che mantenevano un comportamento borderline come ad esempio don Remigio Tacchella che a Bionde di Salizzole aveva commentato l’imminente viaggio di Hitler in Italia con parole molto dure arrivando a definirlo un «persecutore di cattolici» e «l’oppressore di 72 milioni di tedeschi». Notizie di parroci che si facevano notare per la loro «inframettenza nelle cose politiche e amministrative», come ad esempio quello di San Zeno di Montagna, continuavano nel frattempo ad arrivare sul tavolo del prefetto testimoniando la presenza di sporadiche voci fuori dal coro anche all’interno di un clero tutto sommato allineato come quello scaligero.

da Federico Melotto, L’Arena del duce, Donzelli Editore, Roma, 2016

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...