La polenta

cottura polenta nel paiolo al mercatino di natale a tn 2010Me ricordo la polenta che me mama la misiava con tanta pazienza. La tegnea un pié sul fogolar col zenocio angolà contro el podo (o copo), l’altra gamba l’era ben piantà par tera e la gavea le man e la facia sfogonè.

La stagnà l’era tuta nera, la cadena la dondolava de qua e de là e me mama, con la mescola, la misiava e la misiava…

Mi guardava la polenta con oci seri, quando la boiea la me parea ‘na montagna con tanti crateri. E no parlemo de le sdinze! I mave adito, par farme star bona, che jera le anime dei danè che salea al cielo dopo aver scontà le pene de l’inferno.

Finalmente la polenta cota e fumante la vegnea rebaltà su la panara, sgualivà e lucidà con la steca bagnà ne l’acqua e po quacià con un toaiol ch’el odorava de senda e lisiva. Po, col sacro rito del refe, me mama la le taiava in tante bele fete e come sberle la iè butava nei piati. Dinanzi a tanta solare grazia me desmentegava de l’inferno e dei crateri e i me oci no i era più seri!

E drento de mi ringrasiava me mama, che con tanto amor, la ne impenea la panza ma anca el cor.

L.F. in “Ruma … ruma tra i ricordi” – Casa di Soggiorno per Anziani di Sanguinetto, 2000

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...