Alfabeti

bellezza armonia poesia

Fari spenti, le nuove cattedrali;

dorme la coscienza, nell’indifferenza.

 

Lo spazio che fu rifugio

è mutato in fredda isola!

L’incessante divenire

rende oscuro l’uomo

e viene meno ogni certezza.

 

Effonde la natura nel silenzio,

le sue quiete melodie.

 

Sparge pace ma, senza sosta sfugge

l’alfabeto divino:

nella lingua indistinta dell’onda

consonanti, vocali indecifrabili

fluttuano nella risacca.

 

Oltre il limite della parola

la poesia insegue armonia,

filo teso nel vuoto di

tenerezze perdute. 

Giuseppe Aguglia

(Poesia premiata alla XVI edizione del Concorso Letterario “Mario Donadoni”)

armonia_c
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...