La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù nel settembre 1943

Mostra fotografica – Bovolone – Oratorio San Biagio – da sabato 28 ottobre 2017 a domenica 5 novembre 2017 – entrata libera per il pubblico

I locali dell’Oratorio San Biagio di Bovolone, dal 28 ottobre al 5 novembre 2017, ospiteranno la Mostra fotografica storico-rievocativa: “La scelta della Divisione Acqui a Cefalonia e Corfù nel settembre 1943” che verrà inaugurata sabato 28 ottobre 2017 alle ore 17,30 alla presenza delle Autorità e con entrata libera per il pubblico.

La Mostra fotografica rimarrà aperta al pubblico con i seguenti orari: sabato e domenica dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 20; nei giorni feriali dalle 15 alle 20.

I venti pannelli della Mostra, ricchi di fotografie storiche, mappe e descrizioni, ricostruiscono la tragica vicenda vissuta nei territori ellenici dai soldati della Divisione Acqui, dalla dichiarazione di guerra dell’Italia contro la Grecia, all’occupazione delle isole ioniche di Cefalonia, Corfù, Zante, Itaca e altre minori, all’armistizio dell’8 settembre 1943 ed infine al tragico ed inaspettato epilogo, con l’efferato Eccidio di migliaia di soldati, sottufficiali e ufficiali, da parte dei reparti regolari dell’esercito tedesco.

L’iniziativa è promossa dall’Associazione Nazionale Divisione Acqui, Sezione di Verona, in collaborazione con il Centro Studi e Ricerche della Pianura Veronese, dalle Sezioni di Verona della FIVL (Federazione Italiana Volontari della Libertà) e ANMIG (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra) e con il patrocinio del Comune di Bovolone.

L’esposizione della Mostra fa seguito alla giornata storico-rievocativa organizzata per gli alunni delle classi quarte e quinte della Sezione Coordinata di Bovolone, dell’Istituto “Giorgi”, il 27 aprile scorso, alla quale ha partecipato il novantaseienne Reduce Acqui, del 17° reggimento fanteria di Cefalonia, Umberto FERRO, attualmente ospite della Casa di Riposo San Biagio di Bovolone.

In quell’occasione sono stati proiettati alcuni filmati storici delle vicende Acqui, con interessanti e toccanti racconti ed aneddoti da parte di “nonno Umberto”, tragicamente coinvolto in quella triste pagina di storia dei soldati italiani.

L’incontro con gli alunni e l’esposizione della Mostra, sono a cura del prof. Claudio Toninel, vice presidente nazionale e presidente della sezione di Verona dell’Associazione Nazionale Divisione Acqui, nipote di Mario Toninel, Reduce Acqui di Cefalonia, scomparso nel 2002.

Per maggiori informazioni chiamate il n. 334-1722038 oppure scrivete alla e-mail centrostudibovolone@gmail.com oppure consultate il sito http://www.centrostudibovolone.it.

Il monumento nazionale alla Divisione Acqui a Verona

Il Monumento nazionale alla Divisione Acqui a Verona

Lo scorso 21 settembre 2017, a Verona, presso il monumento nazionale, in Circonvallazione Oriani, si è svolta la Cerimonia ufficiale di commemorazione del 74° anniversario dell’Eccidio della Divisione Acqui, con l’intervento di numerose autorità militari e civili, alunni delle scuole cittadine e con la presenza dell’On. Domenico Rossi, Sottosegretario di Stato del Ministero della Difesa.

 

Lo storico Monumento, opera di Mario Salazzari, fu eretto a Verona nel 1966, per i numerosi veronesi appartenenti all’Acqui, oltre all’elevato numero di caduti scaligeri a Cefalonia e Corfù e fu inaugurato nello stesso anno, alla presenza dell’onorevole Aldo Moro, allora Presidente del Consiglio dei Ministri.

 

Il Reduce Acqui di Cefalonia Umberto Ferro al Giorgi di Bovolone

Umberto Ferro, reduce di Cefalonia, con Claudio Toninel parla agli studenti dell’Ist. G. Giorgi di Bovolone

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...