Con la nigossa longo el Menago

di Palmira Grela

Nel solco de la vita, imbroià da tanti ricordi, uno spesso el me sfiora la mente: rivedo, nel canton del fogolar ligà a la sperangola de un caregon, ‘na nigossa ‘pena scumizià che me mama la se preparava ne le longhe sere de inverno.

Al spiar de i primi soli la ‘ndasea a pescar par procurar la zena a tuta la fameia, la spetava che mi vegnesse a casa da scola e dopo un piato de minestra calda e aver fato i compiti, se partea insieme: ela co’ la nigossa a spale e mi al so fianco con un pegnato tuto macà che gavea el manego fato de fil de fero.

Ricordo chel giorno quando, rivé sul ponte del Menago, la s’avea messo un grumbial grando e, incaminandose longo l’arzaro, la scumizià a nigossar; ogni olto che la tirava su la rete, tacà gh’era tanta erba e tanta cora, cossita, rebaltandola sora la riva, el pesse el saltava e mi lo rancurava metendolo nel pegnato: gh’era cagnete, maiaroni, pesse sol e qualche rana.

Chel dopodisnar batea un bel soleto ma tirava ’na bavesela che segava le rece, da i alberi se vedea el campanil e el ventesel el portava el sonar de le ore, mi me vegnea da cantarghe ‘drio: “Din, don… din, don… le campane de Bovolon” e caminava sbatendo el pegnato avanti e indrio; dopo un poco sa roto el manego de fero e tuto el pesse lè ‘nda de olta nel Menago: no ò mai visto me mama tanto rabià, la ma molà ‘na sberla che m’à fato star muta come el pesse che era scapà, tremava come ‘na foia, no solo par el fredo ma pensando a quel che avea combinà.

Me mama, con fadiga, la recuperà el pegnato, la ga ligà el manego e la me vegnua vezin domandandome se gavea fredo, alora son scopià in un pianto come ‘na fontana, ela la sa cavà el grumbial ancora moio, la ma intabarà le mane e la scumizià da novo a nigossar; dopo un poco, tirando su la nigossa, emo sentio sguatarar, là fato parfin fadiga a tirarla a riva: drento gh’era tre carpe cossita grosse che no le stasea gnanca nel pegnato e mi gò dato el grumbial par metarle drento.

A la sera, ne la cusina, ghera un profumo de pesse frito e, in mezo a la tola, ‘na bela polenta rebaltà sora la panara. Me mama la me vegnua vezin e la ma dito: “dopo làvete le rece che te si tuta sporca de cora e doman te ghe da ‘ndar a scola”.

Quela l’era la tola de i pitochi, fata de sacrifici ma siora de tanta onestà.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...