Perseo 73: un’esperienza innovativa di cooperativa edilizia per Bovolone

Anno 1973. Bovolone è in piena espansione economica e residenziale; scarseggiano le aree edificabili che sono in mano a pochi imprenditori e vendono a caro prezzo. Qualche illuminato cittadino bovolonese intravede una nuova possibilità per avere un alloggio, ma l’idea è talmente rivoluzionaria che deve far breccia nella mentalità dei Bovolonesi, ancorati al tradizionale sistema di proprietà di beni immobili.perseo 73

La prima riunione, presieduta da Mario Barbirato, si tiene nella sede A.C.L.I. ; seguirono altre riunioni preliminari nelle aule parrocchiali, fino a quando si costituisce ufficialmente la Cooperativa Edilizia Perseo 73 con più di 30 adesioni: presidente Luigi Patuzzo, vicepresidente Pietro Abram e consiglio di amministrazione eletto per 3 anni. Si inizia ad incalzare l’Amministrazione Comunale per ottenere un terreno P.E.E.P. (Piano Edilizia Economica Popolare), anche con alcune azioni dimostrative simboliche (l’occupazione del municipio nella sera in cui doveva tenersi un Consiglio Comunale); finalmente la Giunta del sindaco Giorgio Meneghello concede un terreno in zona Caltrane con lottizzazione curata dal Comune stesso.

La Cooperativa, all’atto della stipula dello Statuto, ha scelto la formula della “proprietà indivisa” e il terreno su cui edificare non è di proprietà, ma concesso dal Comune in diritto di superficie per 99 anni, rinnovabili: formula sconvolgente agli occhi dei più. La lottizzazione e il progetto sono stati curati dall’ing. Urbano Patuzzo e dall’arch. Umberta Fiorini, anch’essi soci della Cooperativa. Con questi incartamenti si va alla ricerca di un mutuo agevolato e, dopo tribolati e svariati tentativi, si ottiene un prestito attraverso l’ A.N.I.A. (Associazione Nazionale Imprese Assicurative) di 150 milioni delle vecchie lire, rimborsabile in 35 anni.

Il primo lotto prevede 10 alloggi, che vengono subito scelti da 8 soci in base alle proprie esigenze di famiglia, ma ne rimangono altri 2 e non bisognava assolutamente perdere il finanziamento regionale; così i 2 rimanenti sono attribuiti al presidente e al vicepresidente e per l’individuazione dell’alloggio si tira a sorte. I lavori iniziano nella primavera del 1978 con l’impresa Romano Bonfante e Giuseppe Bersani di Bonavicina. Diversi lavori vengono eseguiti in economia dai soci stessi: sottofondi, fognature, pavimentazioni, impianti elettrici ed idraulici, ringhiere delle scale, garage…

Nel 1979 il primo lotto è terminato e le famiglie possono entrare nei loro appartamenti. Ma la Cooperativa Perseo 73 non chiude qui! Continua con altri 14 appartamenti, terminati nel 1981, ed ancora 6 appartamenti, finiti nell’autunno del 1980. In questo modo, nel giro di pochi anni, tutti i soci hanno potuto disporre di un alloggio.

Negli anni Novanta la Cooperativa passa di mano ad altri giovani soci, i quali con volontà ed impegno continuano a costruire nuovi appartamenti, con l’esempio e il sostegno morale dei vecchi soci che già godono dei frutti dei loro sacrifici.

Alla fine gli alloggi costruiti sono stati 104. Questa bella e unica realtà in Bovolone ha chiuso i battenti nel 2005, donando tranquillità e stabilità ad un centinaio di famiglie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...