La me via

di Imerio Ronca

angolo via paradiso

Via Paradiso, vecia via del tempo ch’è passà

vicolo longo e streto de case vecie e basse,

unite insieme, quasi par tegnerse su.

Asfalto su la strada, no ghe n’era

ma solo cugoli e … così grossi cugoli

che quei coi cali i iè fasea zigar.

E come un monumento, su la curva,

in fondo alla strada, gh’era el SION,

par darghe aqua a tuta la contrà.

E questo l’era el posto delle done

che le vegnea coi seci par far aqua,

ma anca, insieme, proprio a far marcà!

E fin che l’aqua alegre le tirava,

insieme, aqua e ciacole le misciava …

I buteleti i era sempre in corsa

(pericoli no ghe n’era gnanca tanti)

solo un careto sui cugoli el saltava:

e uno che, par vendar la so roba,

le done, su la strada, el te ciamava …

E quando ne l’istà fasea gran caldo,

ognuno na carega el se portava,

de sera, su la strada, a ciapar el fresco …

e, fin a tardi, in bozolo, se parlava …

Le ciacole, pian pian, le se calmava;

el scuro, come coerta,el te coerzea la strada

che , nel silenzio, così s’indormenzava …

E solo, ne la note, se podea scoltar:

un gato inamorà ch’el miagolava,

un can, baiando, ch’el ghe rispondea,

un imbriago che, col canto, el te sveiava!

E adesso che scompare la me via

no resta altro che un ricordo amaro

e parte, insieme con la malinconia,

la via più bela e la più bela età.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...