Graffi e carezze

di Luigi Natale Patuzzo

Di quante pagine sono composti i giorni:

la terra con i terremoti, primavere da incorniciare,

matrimoni come copiose cime e orribili profondità.

L’altalenante lavoro delle persone,

il rotolare del mondo nelle sue creature.

Sono graffi, sono carezze, talvolta solo insulti.

Impegno di genitori responsabili,

lavoro di insegnanti impegnati,

rapporto con la casta politica,

messaggio delle gerarchie cattoliche…

Saranno graffi dolorosi per scuotere coscienze pietrificate,

ed anche

amorose carezze per i nostri volti?

Siano presenti graffi,

ci siano pure carezze in tutti i messaggi,

entrambi attrezzi vincenti, ma di uso difficile.

Di nessuno è consigliabile l’abuso.

Carezze, graffi… e carezze!

Luigi Natale Patuzzo, da Graffi e carezze, Il Segno dei Gabrielli editori, San Pietro in Cariano, 2012

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...