Macchie Rosse

Gabriele Licciardi è un professore che collabora con le Università di Verona e Padova, occupandosi della storia dei movimenti e delle organizzazioni politiche dell’Italia repubblicana.

In questo libro l’autore analizza il periodo complesso degli anni di piombo nelle formazioni extraparlamentariste di sinistra dei decenni Sessanta e Settanta. Nello schema interpretativo proposto da Licciardi, l’onda fondamentalmente pacifica del Sessantotto perde l’importanza di evento spartiacque, perché il movimento operaista è nato prima di quella data ed ha già prefigurato il suo distacco dalle logiche della democrazia rappresentativa. Supportati da intellettuali e filosofi schizzati, i gruppi operaistici passano dalle spranghe alle bottiglie Molotov. Ecco allora concretizzarsi il periodo della lotta armata, delle gambizzazioni, delle rapine, dei rapimenti, degli attentati: una paranoica attesa dell’irreversibile che avrebbe portato all’abbattimento dello Stato.

E’ un periodo storico che abbiamo presto rimosso per i suoi ricordi sgradevoli, ma che è importante recuperare per far conoscere ai più giovani cosa può comportare abbandonarsi ad ideologie scollegate con la realtà.

Il merito di Licciardi è quello di aver ricostruito nei dettagli tutta la storia di questa mostruosità utopica con sapiente distacco intellettuale, oltre che generazionale.

Gabriele Licciardi, Macchie Rosse, NdA Press, novembre 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...