Le lettere di Pasolini a Cesare Padovani

Camus, Pasolini, Moravia, Keats e Mozart sono solo alcuni autori arrivati recentemente in libreria con le loro lettere. In qualche caso si tratta di opere prime, in altri di ristampe. Come quella di Pier Paolo Pasolini pubblicata da Garzanti, che, arricchita da nuovi carteggi ritrovati nel corso degli anni, segue l’edizione del 1986 edita da…

Il Marchese De’ Gianfilippi, BENEMERITO della Pianura Veronese

Fin dalla seconda metà del 1800 nella nostra pianura iniziò a verificarsi un fenomeno sociale locale molto curioso, ma anche molto utile. Il territorio era gestito da grandi proprietari terrieri e la popolazione era prevalentemente contadina. Per avere più manodopera nei campi i “Padroni” pensarono che se si fosse trovato il modo di tenere al…

Lo chiamavano “Pippo”

“All’imbrunire, puntuale come ogni sera – scrive Irene Perlini di Reggio Emilia – ci veniva a trovare un aereo chiamato Pippo ed era un mistero perché era da ogni parte, non si è mai capito questo mistero, so solo che dove vedeva una lucina sganciava bombe. Era tremendo, abbiam dovuto inscurire le finestre, ma una…

Le Rogazioni per la pioggia

Non piove seriamente da mesi e la siccità provoca pesanti disagi e perdite dei prodotti agricoli delle nostre campagne. Fiumi in secca, limitazioni nell’uso dell’acqua, fortunali, tempeste di grandine: forse mai come quest’anno abbiamo toccato con mano quanto possa incidere il cambiamento climatico in atto nel nostro territorio. Anche nel passato siamo andati incontro a…

La rana di Lataste non è estinta

È un anfibio annoverato tra le specie in via d’estinzione, il cui stato di conservazione è definito “vulnerabile” a causa della riduzione del suo habitat, il bosco umido di pianura. Si tratta della “Rana di Lataste (Rana latastei), osservata dal dott. Giovanni Bombieri della World Biodiversity Association nell’ambito del Progetto Biodiversity Bridges (Ponti di biodiversità)…

Il pozzo

Quando racconto agli studenti che a Bovolone fino agli anni Cinquanta poche famiglie avevano l’acqua in casa e che il gabinetto, se c’era, era situato all’esterno, preferibilmente attiguo alla concimaia, molti stentano a credermi: sembra quasi che stia parlando loro del Medioevo, eppure è stato così! Non esisteva l’acquedotto, ma ogni famiglia, sia della piazza…

Giazza: un appuntamento da non perdere

Può un paesino di montagna diventare un luogo di bellissimi ricordi e un’ambita meta turistica per gli abitanti di Bovolone? Sì, se si chiama Giazza. Nella nostra giovinezza Giazza era sinonimo di Estate, di vacanze, di divertimento, di riflessione e crescita personale: era qui, nella vecchia casa colonica poi ristrutturata, che noi giovani passavamo almeno…

Villa Panteo-Zampieri a Bovolone

La villa si trova in Via Mazzini, 3 ed è oggi un complesso che accoglie l’Associazione Anziani La Quercia e l’Università del Tempo Libero. Lo stemma della famiglia Zampieri, posto su un pilastro del portone d’accesso presso il ponte sul fiume Menago, attesta come la dimora fosse tra le più eleganti della zona: il portale…

L’eredità attuale e profetica di Pasolini

A 100 anni dalla nascita, avvenuta il 5 Marzo 1922, e in linea con le iniziative dell’UNESCO, lo scorso 5 Marzo il Centro Studi e Ricerche ha ricordato la figura di Pier Paolo Pasolini, poeta, regista e uomo di Cultura italiano, morto nel 1975. La serata ha visto la partecipazione di tre giovani che hanno…